Quando Mia incontra Klimt

Ultimamente, M. (mia figlia seienne) segue un cartone animato che, a mio avviso, è veramente originale, non tanto per la storia (che comunque è simpatica e poetica), ma, in particolare, per l’ispirazione del disegno.
La serie si intitola “Mia and me” e tratta di una dodicenne rimasta orfana (Mia, appunto) che ha ereditato un vecchio libro sugli unicorni e un braccialetto. Grazie a questi oggetti, Mia può magicamente avere accesso al mondo parallelo di Centopia e parlare con gli unicorni che la popolano, non più con le sue fattezze di teenager, bensì come elfo. Ed è a questo punto “fatato” della storia che avviene l’intreccio tra live action e animazione, i cui motivi sono ispirati all’opera di Gustav Klimt.
Ho colto subito l’occasione di parlare a M. di questo artista meraviglioso, mostrandole le immagini “ispiratrici”, aiutandola a trovare i punti in comune tra pittura e cartone animato e fornendole informazioni semplici e stringate sui dipinti e sul loro autore.
M. ne è rimasta affascinata. Non poteva essere altrimenti…
Ecco a voi Klimt e Mia!

Klimt è stato un artista viennese, uno dei massimi esponenti dell’art nouveau, un movimento artistico che non riguarda solo la pittura, ma anche architettura e arredamento e che si ispira principalmente alla natura, reinterpretandone gli elementi strutturali.
Ciò che rende l’opera di Klimt così originale e riconoscibile (soprattutto per quanto riguarda i lavori che ho preso in considerazione qui) è l’ornamento, il decoro: le linee sono eleganti e morbide, le forme geometriche si ripetono con armonia, alternandosi a segni più delicati e i colori sono accostati con sapienza.
Per quanto riguarda le similitudini con il cartone animato, si possono notare alcuni dettagli ripresi integralmente dall’originale, basti notare il vestito di re Raynor, la cui fantasia è pressoché identica a quella dell’abito che troviamo ne “Il bacio”, o la mise di regina Mayla, che ricalca quella de “L’attesa”, anche per quanto riguarda acconciatura e copricapo.

Raynor e Mayla
Raynor e Mayla
EPSON MFP image
Klimt-Il bacio
EPSON MFP image
Klimt-L’attesa

 

Il personaggio di Gargona è identico all'”Hygieia” e riprende, inoltre, le acconciature che troviamo in un particolare del “Fregio di Beethoven”. La perfida Panthea è, invece, un mix tra “Emilie Floge” e la figura spettrale di “Morte e vita”.

Panthea e Gargona
Panthea e Gargona
Klimt-Hygeia
Klimt-Hygeia
Klimt-Il fregio di Beethoven (particolare)
Klimt-Il fregio di Beethoven (particolare)
Klimt-Emilie Floge
Klimt-Emilie Floge
Klimt-Morte e vita
Klimt-Morte e vita

I capelli fuxia di Mia e le criniere dei vari unicorni sono decorati con pietre colorate o fiori, dettagli che troviamo spesso nelle capigliature delle donne di Klimt, come “Nuda veritas”, “Le forze ostili” (sempre dal “Fregio di Beethoven”), “Le tre età della donna” e “Serpenti d’acqua”.

Mia
Mia
EPSON MFP image
Klimt-Nuda veritas
EPSON MFP image
Klimt-Le forze ostili
Klimyt-Le tre età
Klimt-Le tre età delle donne
Klimt-Serpenti d'acqua
Klimt-Serpenti d’acqua

Sicuramente i bimbi, lasciati tranquilli a studiare e comparare le immagini, saranno in grado di trovare molte altre similitudini che a me sono sfuggite! Concludo con un’ultima “opera d’arte”, quella che ha magistralmente creato M. ispirandosi “ai riccioli di Klimt” (parole sue). E anche queste sono soddisfazioni…

EPSON MFP image
M. ispirata da Klimt

 

Successivo Le mille facce della Gioconda

6 thoughts on “Quando Mia incontra Klimt

  1. nonnaro il said:

    Complimenti all’autrice per aver trovato un argomento originale interessante ed istruttivo, scritto
    in modo chiaro ed essenziale con evidente conoscenza dell’argomento.

  2. silvia il said:

    Che bello questo blog! Anch’io subisco la dittatura dei cartoni da parte di un bimbo di 6 anni e anch’io ho visto più di una volta MIA ma pur conoscendo le opere che hai citato non avevo notato i riferimenti! Forse anche perchè non mi aspettova niente del genere in un cartone!! Grazie, seguirò il tuo blog e anche i cartoni con molta attenzione, visto che mi piacerebbe far appassionare mio figlio a questo mondo affascinante!
    Silvia

    • arteperbimbicuriosi il said:

      Ciao! Se sei interessata ai cartoni puoi trovare altri post a riguardo, basta che cerchi nella categoria “cartoni animati”. Vedrai che tuo figlio apprezzerà! A presto e grazie!

Lascia un commento

*