Chagall tra cielo e mare

Nonostante il suo nome abbia un richiamo francese, Chagall è stato il più importante pittore dell’odierna Bielorussia. Nelle sue opere si possono notare riferimenti al cubismo e al fauvismo, ma, nel complesso, la sua arte non segue un particolare stile pittorico. Chagall si ispira principalmente alla sua infanzia trascorsa in Russia e alla vita popolare, quotidiana dei villaggi. Il colore, per lui, è un elemento fondamentale, imprescindibile, infatti è attraverso le tinte forti e decise che il pittore comunica le proprie emozioni, l’amore, la gioia di vivere. Proprio grazie al tratto ingenuamente infantile e ai toni vivaci, i suoi quadri hanno una connotazione fiabesca e fantasiosa.

Io e il villaggio
Io e il villaggio
Gli amanti in blu
Gli amanti in blu

 

 

Fatta eccezione per le opere a sfondo religioso e per poche altre, uno dei soggetti che ritroviamo frequentemente nei quadri dell’autore è il matrimonio o, più semplicemente, l’unione di una coppia, con tutto l’amore e la gioia che questa comporta. La particolarità di questi dipinti, che è anche uno dei tratti distintivi di Chagall, consiste nel fatto che i protagonisti sono solitamente sospesi a mezz’aria, liberi, ma, nonostante questo, legati l’uno all’altra, uniti da un sentimento profondo e reciproco che permette loro di sollevarsi da terra, mantenendo comunque il contatto con ciò che li circonda.

Volare
Volare
Passeggiata
Passeggiata
Compleanno
Compleanno
La sposa
La sposa
Gli sposi nel cielo di Parigi
Gli sposi nel cielo di Parigi
Gli sposi e la Tour Eiffel
Gli sposi e la Tour Eiffel
Coppia azzurra
Coppia azzurra

 

La delicatezza e la passione che traspare da queste opere è tangibile, meravigliosamente reale, sebbene i soggetti siano ritratti in atteggiamenti decisamente fantasiosi.

Un altro soggetto presente in numerosi manifesti e litografie eseguiti da Chagall, è la sirena. Anche in questo caso, queste originali creature marine fluttuano nel cielo, leggiadre, quasi si fossero dimenticate di appartenere al mare.

La baia degli angeli
La baia degli angeli
La sirena e il pesce
La sirena e il pesce
La sirena e il poeta
La sirena e il poeta
La sirena
La sirena
Sirena con il pino
Sirena con il pino

 

 

Ho proposto un giochino a M.: ad esclusione dei disegni raffiguranti le sirene, ci sono due dettagli che ricorrono spesso nei quadri di Chagall e che possiamo notare, più o meno nascosti, anche nelle seguenti immagini. Quali sono?

Il violinista
Il violinista
Solitudine
Solitudine
Autunno nel villaggio
Autunno nel villaggio
Madonna del villaggio
Madonna del villaggio
Concerto blu
Concerto blu

 

Capre e violini sono quasi ovunque, come fossero una dedica alle sue origini, al villaggio dove è cresciuto ( il violino è lo strumento tipico della musica suonata dagli ebrei dell’est europeo, come lo era lui). Un amore e un attaccamento, quindi, anche nei confronti della sua famiglia e della sua casa. E poi, come diceva Chagall stesso, “La felicità non è felicità senza una capra che suona il violino”.

Pensavo che M. si sarebbe ispirata alle sirene e ne avrebbe disegnata una…invece no, niente sirene… Lei, Chagall, lo ha reinterpretato così: un unicorno alato, coloratissimo, che vola. Perché, in effetti, se si deve volare, non c’è niente di meglio…

M.
Unicorno alato

 

Precedente Frida in corso! Successivo Chagall a Milano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.